Lasik_Step_5_version3_1E

Parla il dottor Luca Avoni.

IL CASO

 

Da alcune settimane il Centro oculistico bolognese offre ai suoi pazienti anche il trapianto di cornea, effettuato secondo le tecniche più all’avanguardia. Protagonista del nuovo servizio è il dottor Luca Avoni.

 

Dottor Avoni, quale metodica è stata eseguita nel primo intervento al Centro oculistico bolognese l’11 maggio 2015?

Si è trattato di una DALK cheratoplastica anteriore per cheratocono in anestesia locale. Il paziente, di giovane età, presentava un cheratocono in stadio avanzato con visus insufficiente per le proprie necessità di vita, sia con gli occhiali che con le lenti a contatto, alle quali era intollerante.

 

Come si svolge l’intervento?

Si è agito con una trapanazione corneale parziale, iniezione di aria all’interno dello stroma corneale e separazione dello stroma dagli strati più profondi (descemet-endotelio), asportazione dello stroma e impianto di lembo corneale privato dell’endotelio, suture. In pratica si toglie solo la parte patologica della cornea che nel cheratocono è quella più esterna, lasciando in situ lo strato più profondo che è sano.

 

Quali sono i vantaggi del metodo utilizzato?

Si lascia in situ l’endotelio e quindi il paziente non avrà rischi di rigetto endoteliale della cornea; inoltre, ci consente l’asportazione della sutura in tempi più brevi, con conseguente più rapido recupero funzionale, e ci consente un minor utilizzo di farmaci cortisonici, con conseguente riduzione degli effetti collaterali. Va sottolineato che con questa tecnica si possono utilizzare cornee con stroma trasparente anche se l’endotelio non è idoneo per cheratoplastica perforante: tali cornee non utilizzabili  per cheratoplastiche perforanti possono essere utilizzate per cheratoplastiche lamellari, aumentando il numero di tessuti disponibili.

 

Come procede il decorso post-operatorio del paziente?

Il decorso è risultato regolare. Sono stati predisposti gli opportuni controlli fino alla rimozione della sutura dopo la quale, atteso il tempo necessario, verrà data la correzione refrattiva più opportuna.